materiali lana tirolese

Il mondo delle lane ha una sua vastità e non tutte sono uguali. Normalmente si distingue tra lane pregiate – come la qualità merino o il cashmere – e altre meno pregiate. Poi esiste un tipo di lana che normalmente si impiega nell’imbottitura di svariati generi di comfort e non può essere utilizzata in campo tessile perché sarebbe troppo ruvida a contatto con la nostra pelle. Questo tipo di lana avanza sempre e viene impiegata solo in parte, mentre il resto viene bruciato, contribuendo all’inquinamento dell’atmosfera (anche se in minima parte, ma i dettagli sono importanti).

In Re-Bello abbiamo deciso di “valorizzare” questa lana nella nostra produzione Autunno Inverno, utilizzandola come imbottitura. In più la nostra lana – proveniente da pecore tirolesi – è sottoposta a un particolare processo naturale di eliminazione delle “scale” presenti nella fibra che la rende più soffice. A noi non importa che sia ruvida, ma che sia morbida. Di seguito forniamo un quadro sui certificati, sulle tecnologie e sulle innovazioni dei nostri produttori relativi alla lana tirolese.

LANA TIROLESE

Marchio che certifica la qualità della lana trattata con un metodo ecologico che non danneggia la struttura delle fibre. Socpri di più: Imbotex.

Eco Classifica

Ogni fibra presenta vantaggi e svantaggi a seconda delle fasi di produzione e non esiste un materiale che sia vantaggioso sotto ogni aspetto. Tuttavia è possibile stilare una classifica dei tessuti più ecologici, una “eco-classifica”.

Tessuti di classe A: questi tessuti sono i migliori in termini di sostenibilità ambientale. In questa categoria rientrano tutti i tessuti riciclati: non c’è niente di meglio che riutilizzare le risorse già esistenti.
Tessuti di classe B: rientrano in questa classe il cotone organico, coltivato senza l’utilizzo di sostanze chimiche, e l’eucalipto, data l’elevata resa e lo speciale processo a ciclo chiuso ideato da Tencel ®.

Tessuti di classe C: rientra in questa classe il tessuto di bambù, in quanto, pur presentando notevoli benefici per l’ambiente nella fase di coltivazione, il processo di estrazione della fibra necessita notevoli quantità di acqua e prodotti chimici. Per bilanciare tale effetto negativo, il tessuto di bambù che utilizziamo in RE-BELLO viene mischiato con il 30% di cotone organico.
Tessuti di classe D: rientra in questa categoria il cotone tradizionale, ma anche altri materiali sintetici quali il poliestere vergine (ovvero non riciclato). RE-BELLO non utilizza materiali di questo genere in quanto non ritenuti sostenibili.

percentuali materiali nella collezione

Classe A: PET Newlife, Lana Riciclata
Classe B: Cotone organico e eucalipto, lana merino, lana tirolese
Classe C: Bambù, lana tinta alle erbe
Altri